MARIELLA GENTILE | architetto

Architetto nomade, è da sempre appassionata dello spazio pubblico considerato come luogo dove poter sviluppare un’intensa attività di sperimentazione e di ricerca. Sin dai tempi dell’università ha sviluppato questa sua ossessione trasformando il momento della tesi in un’occasione per ripensare il modo di abitare nelle periferie (Tesi “RIZOMA _Processi di riqualificazione della 167 di Pompei”). Ha proseguito i suoi studi seguendo il Master di secondo livello MAsp_Il progetto dello spazio pubblico approfondendo certe tematiche sulla progettazione urbana e accendendo l’interesse per il paesaggio e gli ambienti naturali (Progetto di fine master “Riqualificazione del Lago di Massaciuccoli” , Tesi “L’invisibilità degli spazi pubblici”).

Trasferitasi a Milano, ha avuto diverse esperienze lavorative che l’hanno portata da un lato a fare pratica di allestimento ed organizzazione di eventi, collaborando con il collettivo esterni e seguendo corsi di formazione sulla Progettazione di spazi temporanei, e dall’altro ad avvicinarsi alla Progettazione paesaggistica affrontando temi di architettura del paesaggio con lo studio LANDsrl.

Si interessa di arte e dal 2012 si occupa di Urban Art facendo graffiti in Italia e all’estero.

Dal 2014 collabora col collettivo Camposaz per l’organizzazione di laboratori intensivi di progettazione ed autocostruzione di oggetti architettonici pensati per valorizzare il paesaggio.

Nel 2015 si trasferisce a Lisbona per portare avanti un progetto di 6 mesi di ricerca e investiga-azione, finanziato dalla Fondazione Banca del Monte di Lombardia, sul tema della riqualificazione delle periferie e l’architettura partecipata, collaborando con lo studio Ateliermob.

Attualmente vive a Lisbona e lavora come freelancer collaborando con diverse entità per sviluppare progetti di architettura nello spazio pubblico. 

__

[EN]

Nomadic architect, impassioned for a long time of the public space, she considers it as place where to develop an intense activity of experimentation and search. During the moment of the thesis, she developed this obsession considering a new ways to live in the neighborhood given a grate importance to the public space and to the sharing (Thesis _”Rhizome || Process of regeneration of the 167 in Pompei”, thesis that touches social themes of marginalization and uneasiness, and technical themes of as the architecture can intervene in these cases bringing a retraining and a development auto-sustainable of the places). The second year of university, following the Erasmus program, she lived in Paris frequenting the Ecole Des Beaux Art Paris Val De Seine. Then, she continued the studies in Lucca following the Master of second level MAsp_The project of public space, deepening certain thematics on the urban planning and landscape (Project of master _”Retraining of the Lake of Massaciuccoli” in collaboration with the oasis Lipu Massaciuccoli. Thesis _”The invisibility of the public spaces” fruit of a workshop done with performative artists who made Bovisa’s market into a theater open air). Transferred to Milan, she had different working experiences:  preparation and organization of events, collaborating with the collective esterni and following courses of formation on the Design of temporary spaces, and design of  landscape architecture collaborating at first time with the YELLOW Office study and then with the LAND of Andreas Kipar’s study.

She participated to different workshop of self build, knowing the Orizzontale collective from Rome in the occasion of the workshop of the Largo Milano of Cinisello Balsamo and the association Campomarzio of Trento during the first editions of Camposaz in the territory of the Dolomiti.

From 2014 she take part of the collective Camposaz  organizing a several workshops in Italy and outside the country. Check it on the site: www.camposaz.com

She is also passionate for graffiti and Urban Art painting in different festival (MOS Meeting of Style, Sister Art, Nerviapezzi, and others) and making various exhibitions.

In 2015 she won a financing from Foundation FBML – Fondazione Banca del Monte di Lombardia – to make a researcher about the partecipate architecture in the neighborhood  collaborating with Ateliermob studio based in Lisbon. 

Actually she lives in Lisbon collaborating with several studios to developer architectural project in the public space.